ago 102017
 
solveko3_0-1

Il Comune di Fidenza, attraverso una Ordinanza contingibile ed urgente firmata dal Sindaco Andrea Massari lo scorso 2 agosto, lavorando in team con le Istituzioni competenti ha disposto sull’area dell’azienda Solveko di Rimale l’applicazione di misure di sicurezza antincendio e di smaltimento dei rifiuti stoccati.

Un provvedimento coerente con gli interventi del Comando provinciale dei Vigili del Fuoco (competente per la sicurezza antincendio) e di Arpae (Agenzia Regionale Protezione Ambiente Energia, competente sugli aspetti ambientali della vicenda). In particolare, il Comando provinciale dei Vigili del Fuoco ha formalizzato il 20 luglio scorso che precedenti prescrizioni non erano state rispettate da Solveko, sottolineando la mancanza dei presupposti per la prosecuzione dell’attività dell’impresa.

Atto cui è seguito l’intervento – per i risvolti ambientali – di Arpae lo scorso 27 luglio e che ha portato, il giorno successivo, alla prima riunione in questa fase emergenziale della Conferenza dei Servizi. Ovvero il pool tecnico cui prendono parte: Arpae, Ausl, Comando provinciale dei Vigili del Fuoco, Comune di Fidenza, la proprietà aziendale e il commissario giudiziale nominato dal Tribunale nella figura di Gino Capelli, avendo Solveko chiesto in precedenza il concordato preventivo). Il pool tecnico della Conferenza ha concluso i suoi lavori il 1° agosto, sulla scorta dei quali il Sindaco Massari ha deciso di firmare ed emettere l’ordinanza.

L’azienda il 4 agosto successivo ha presentato un progetto per l’attuazione degli interventi di messa in sicurezza antincendio chiesti dall’ordinanza. Il progetto è sottoposto alla valutazione del Comando provinciale dei Vigili del Fuoco, la cui istruttoria è tutt’ora in corso. Sul fronte ambientale, l’azienda ha comunicato di aver smaltito tra il 7 agosto e il 9 agosto circa 75.000 kg di rifiuti speciali pericolosi prodotti, a fronte di oltre 400.000 kg in giacenza. Al lavoro di analisi della Conferenza dei Servizi – che dal marzo scorso si è già riunita almeno 6 volte – si è affiancato un tavolo istituzionale composto da Arpae, Ausl, Comando provinciale dei Vigili del
Fuoco, dal Commissario Giudiziale Solveko, i Carabinieri di Fidenza, la proprietà, il Sindaco di Fidenza e il Capo di Gabinetto del Prefetto di Parma.

Il tavolo convocato dal Comune di Fidenza si è riunito il 7 e il 9 agosto. Ha preso atto degli impegni assunti dalla proprietà Solveko, ma nella stessa sede Arpae, vista la reiterata violazione in campo ambientale imputata a Solveko, ha comunicato che la sospensione dell’attività fino a quando non sarà rimosso e smaltito l’intero volume dei rifiuti prodotti. Nella stessa sede, Arpae ha informato che la Magistratura di Parma ha disposto ed eseguito nella giornata di mercoledì 9 agosto un sequestro dell’area in cui si trovano fusti e cisternette contenenti rifiuti.

Il Comune di Fidenza, attraverso il Sindaco Massari, ha confermato di voler procedere sul doppio binario del costante monitoraggio con il Comando provinciale dei Vigili del Fuoco, la Prefettura, Ausl e Arpae e del pieno rispetto da parte di Solveko dell’Ordinanza sindacale, affiancando a questa attività anche il massimo dell’impegno per la tutela dei lavoratori della ditta.

FacebookTwitterGoogle+Condividi
 Posted by at 17:21
ago 032017
 
1

Tutt’Italia oggi ha abbracciato Bologna e i familiari delle vittime della strage alla stazione, avvenuta il 2 agosto 1980.

Una cerimonia toccante cui ha preso parte anche Fidenza, rappresentata dal consigliere comunale Franco Amigoni, delegato dal Sindaco, unitamente al gonfalone cittadino portato da Michele Muscillo, Assistente capo della Polizia Municipale.

“E’ stato un onore poter rappresentare la nostra Città, poter portare l’abbraccio solidale di Fidenza ad una Comunità e ai familiari delle vittime che da 37 anni non si arrendono e continuano a chiedere che sia fatta piena verità. Un impegno civile che Fidenza sostiene - commenta il consigliere Amigoni -, perché da quella vicenda passa un pezzo rilevante della nostra storia e del nostro futuro. Angela Fresu aveva 3 anni, quando la bomba è esplosa. Alle 10,25 del 2 agosto 1980. E’ la vittima più giovane di quel giorno. Ma ci sono anche Luca Mauri di 6 anni, Kai Mader di 8, Sonia Burri di 7, per menzionare soltanto quelli che non avevano ancora raggiunto i 10 anni di età. In tutto, 85 morti e circa 200 feriti.”

La sentenza finale, nel 1995, ha condannato in via definitiva i neo fascisti Valerio Fioravanti e Francesca Mambro. Ancora oggi ci sono aspetti da capire su quella giornata terribile, e i parenti delle vittime sono molto arrabbiati per questo. Sono passati 37 anni è ci sono ancora documenti da digitalizzare, archivi da confrontare. Si tratta della più grande strage terroristica dal dopoguerra a oggi nel nostro Paese.

“Stamattina, insieme all’Agente Muscillo, ho raggiunto alle 9,15 Piazza del Nettuno e poi, assieme a centinaia di altre persone e rappresentanti di enti locali di tutta Italia, ho percorso Via dell’Indipendenza sino alla Stazione. Lì, alle 10,25 in punto, un minuto di silenzio. Pensando ad Angela Fresu. Inutile, in queste circostanze, pensare di capire le atrocità terroriste con i numeri.
Molto meglio un volto di bambina”

lug 192017
 
storia-e-futuro-processo-industriale-produzione-vetro

“Bentornata Bormioli! La grande vetraria di Fidenza è tornata a casa. Con l’acquisizione del ramo casalinghi a marchio Bormioli Rocco da parte della Bormioli Luigi si è compiuto il primo passo per costruire un grande distretto del vetro lungo la via Emilia, che riporta sul nostro territorio la proprietà di una delle più importanti industrie manifatturiere d’Italia e della provincia. Partiamo da qui: mentre nel resto del Paese e anche nel parmense abbiamo assistito a pezzi interi di made in Italy inglobati da gruppi esteri, tra Fidenza e Parma si sono poste le premesse per una operazione molto importante che parla italiano e, nel nostro caso, vede un’azienda chiave come la Bormioli Rocco passare da un fondo d’investimenti ad una proprietà industriale vera, solida e stimata. Si tratta di una notizia di cui da giorni aspettavamo l’ufficializzazione e che per tanto tempo abbiamo sostenuto con tutti gli strumenti Istituzionali a nostra disposizione.

Ricordo bene quando nel 2014 chiedemmo l’intervento dell’allora sottosegretario Luca Lotti, perché intervenisse sul fondo d’investimenti inglese affinché non si materializzasse un’operazione che avrebbe avuto per Fidenza effetti gravi. Ricordo le tante battaglie intraprese fianco a fianco con la Camera del Lavoro e le organizzazioni sindacali fidentine di categoria a tutela dei lavoratori Bormioli. In questi mesi, soprattutto, ho sempre apprezzato la concretezza, la determinazione e la serietà dell’ingegner Alberto Bormioli, che ho incontrato varie volte, anche in presenza dell’assessore regionale Palma Costi, in rappresentanza di una Regione che da subito ha capito l’importanza strategica di questa acquisizione.

Ora è tanta la soddisfazione e, chiusa questa prima ed indispensabile fase, nei tempi e modi del caso l’attenzione si sposta sul piano industriale e sulle strategie di rilancio internazionale che la Bormioli Luigi svilupperà a favore della “nostra” vetraria. Un percorso che tutti vogliamo sia di vero e meritato sviluppo e che il Comune, insieme a tutte le Istituzioni, nel caso sosterrà con lealtà.

Chiudo ringraziando le centinaia di uomini e donne che lavorano ogni giorno nella vetraria fidentina. Uomini e donne che hanno dimostrato nei momenti di incertezze e difficoltà, una dignità straordinaria e l’intelligenza rara del gioco di squadra, rendendo la loro ricerca della serenità una questione che ha toccato il cuore di tutta la Comunità fidentina”.

apr 102017
 
17523004_1850382298548863_5719180056186707196_n

“Desidero esprimere grande riconoscenza e gratitudine verso chi ha ideato questa straordinaria mostra che aiuta a porci molte domande e a ideare il futuro. Siamo immersi in un grande mondo alla continua ricerca di sé stesso, un mondo così frammentato nel quale non bisogna mai dimenticare la ricerca della verità”.

Sono le parole pronunciate stamane dal Vescovo di Fidenza, Carlo Mazza, per il suo saluto ai cittadini, agli amministratori, alle associazioni e agli studenti che anche oggi hanno gremito i nuovi locali espositivi nel complesso delle Orsoline per la presentazione di “Migranti. Le sfide dell’incontro”, la mostra-inchiesta che ha aperto i battenti lo scorso 4 aprile.

Un evento proposto dal Centro culturale “Luigi Tamoglia”, con il patrocinio del Comune di Fidenza e della Caritas Diocesana, che ha coinvolto decine di classi, centinaia di studenti e tanti cittadini. Sono già più di 1.000 le presenze registrate. Il suo curatore, il giornalista Giorgio Paolucci, autore di una appassionata presentazione che inevitabilmente ha messo a confronto lo scarto tra la realtà del fenomeno migranti e la percezione che hanno molti cittadini sul fenomeno.

Margherita Rabaglia, presidente del Centro Culturale “Tamoglia”, ha posto l’accento “sull’incontro e il rapporto positivo tra l’Amministrazione e la società civile, attraverso un percorso di incontro e condivisione che è iniziato al Meeting di Rimini dello scorso anno e che da allora ci ha visto insieme per portare a Fidenza uno strumento di conoscenza che è anche un forte invito all’azione culturale. All’azione sussidiaria, cioè alla collaborazione tra pubblico e privato, in questo caso il privato attivo sul segmento culturale, nel nome dell’interesse collettivo”.

“Un successo importante per i numeri rilevanti dei visitatori e, soprattutto, per lo stimolo che questa mostra ha portato nelle case di tante famiglie, di tantissimi giovani e di tanti cittadini – ha spiegato il Sindaco di Fidenza, Andrea Massari –. Siamo di fronte alla tragedia umanitaria più grave del nostro secolo e come riuscire a passare dall’emergenza alla soluzione è una sfida che tocca ognuno di noi. Tocca anche Fidenza e ha ragione da vendere il nostro grande Vescovo: Fidenza è il modello in cui lavorare insieme per governare la complessità e non subirla. La presenza da 13 anni di un Servizio Sprar distrettuale che toglie alla speculazione privata la gestione dei profughi, con numeri e percorsi chiari, è il primo tassello di questo cammino. La mostra, poi, ha avuto il grande pregio di offrire elementi di analisi, abbracciando un approccio puramente informativo e per nulla politico su un tema che è scomodo. Lo abbiamo visto anche sulla rete, dove si è aperta una discussione con diversi cittadini critici nei confronti della questione migranti. A tutti ho risposto di venire a confrontarsi con la mostra e i suoi dati, di non perdere l’occasione di potersi mettere in discussione. E sono lieto che molti abbiano accettato l’invito”.

“Non dobbiamo sentirci angosciati, perché l’angoscia non risolve niente. Occorre la lucidità dell’intelligenza e mettere in atto ciò che possiamo fare noi, anche nel nostro piccolo – ha inoltre commentato il Vescovo Mazza –. Fidenza potrebbe diventare un modello di accoglienza, di integrazione, di coesione. Parole che devono trovare la razionalità pratica di costruzione di un luogo sociale, una nuova città. Il futuro non sarà più quello di ieri. Ci occorrono uomini e donne che sappiano costruire la città del domani, con grande fatica ideativa, pratica, economica e politica. Ma con una visione universale capace di inserirsi in una nuova visione umana. Possiamo farcela, perché il nostro Paese ha la cultura, la tradizione, l’invenzione e la creatività che sono esattamente i fondamenti per costruire una comunità nuova”.

mar 222017
 
WhatsApp Image 2017-03-22 at 09.24.56

Con la loro presa di posizione dei giorni scorsi, i Sindaci Fritelli e Massari hanno ottenuto dal ministro dell’interno Minniti che il bando per la collocazione di altri 88 profughi in strutture private a Tabiano fosse annullato e che fosse sostituito dal sistema SPRAR, gestito dagli enti pubblici con quote proporzionali alla popolazione dei comuni e già presente a Fidenza da più di 10 anni, da estendere ora a tutto il distretto socio-sanitario. Un modello virtuoso di gestione che ogni buon politico nazionale, di sinistra o di destra, dovrebbe voler esportare in tutta Italia.

Oggi a Salso è arrivato un signore di Milano. Era evidente che venisse da fuori e che non conoscesse la nostra realtà e, se aveva chiesto informazioni, le aveva chieste alle persone sbagliate. Purtroppo non si trattava di un turista, ma di Matteo Salvini, il segretario della Lega Nord, nei ritagli di tempo parlamentare europeo.

Non conosceva la realtà, dicevamo, perché ha descritto una questione peculiare, complessa e di lunga data come quella della crisi del termalismo e del settore turistico salsese inanellando una serie di luoghi comuni, una pappa pronta per ogni occasione, e alla fine individuandone la causa nella gestione a livello locale della recente ondata migratoria, fenomeno epocale frutto di dinamiche geopolitiche esplose negli ultimi anni.

Salvini, dopo aver dato giustamente addosso ai finti albergatori e alle finte cooperative che speculano su un sistema emergenziale di accoglienza che taglia fuori i comuni, ha pensato bene anche di attaccare gratuitamente i Sindaci di Fidenza e Salsomaggiore, che invece si sono sempre impegnati affinché questo sistema fosse superato.

Giusto per aggiungere un’altra cucchiaiata di banalità alla minestra, probabilmente imbeccato da qualche politicante locale, Salvini ha pensato bene di tirare in mezzo anche lo storico spauracchio della moschea di Fidenza. E’ un ritornello che salta fuori quando mancano gli argomenti, puntualmente smentito tanto dal Sindaco Massari quando dall’Associazione di Promozione Sociale Ennour, che anima da un decennio il centro culturale islamico di Fidenza e che presto traslocherà nella sua nuova sede.

La prossima volta che Salvini vorrà farci l’onore di una visita, ci faccia la cortesia di confrontarsi prima con chi lavora tutti i giorni, con tanti oneri e pochi onori, per risolvere i problemi dei fidentini e dei salsesi, che magari potrebbe dargli le informazioni corrette: potrebbe insegnargli qualcosa ed evitargli altre brutte figure.

I politici nazionali sono sempre i benvenuti nel nostro territorio, ma visto che sono pagati profumatamente per fare il loro mestiere, dovrebbero farlo bene.

Partito Democratico

Circoli di Fidenza e di Salsomaggiore e Tabiano Terme

mar 222017
 
PD Foto di gruppo congresso

Alessandro Stefanini, 29 anni, è il nuovo segretario del circolo PD di Fidenza. Con alla spalle l’esperienza da segretario provinciale dei Giovani Democratici e già tesoriere del circolo, succede a Marco Gallicani, dimissionario, che manterrà da ora in poi il solo ruolo di capogruppo in consiglio comunale, assieme a quello di presidente del consiglio di Terre Verdiane.

Nel corso della partecipata assemblea degli iscritti, tenutasi sabato 18 marzo nella storica sede di via XX Settembre e presieduta da Alessandra Terenziani, attuale segretaria provinciale GD in rappresentanza della federazione provinciale, il segretario uscente ha fatto un riassunto di quasi tre anni e mezzo di mandato della sua segreteria, caratterizzati dalla vittoria alle elezioni amministrative del 2014, dal consolidamento della situazione finanziaria del circolo, dalla collaborazione con Salsomaggiore nell’organizzazione della Festa de l’Unità.

“Sono felice e soddisfatto – ha detto Marco Gallicani – del percorso fatto, che ha permesso ad una figura come Alessandro di emergere come segretario di tutti. Ho detto e scritto spessissimo che la segreteria che ho avuto l’onore di coordinare ha sempre avuto la natura e la forza di un’autorevolezza di scopo. Oggi finalmente possiamo far partire quella nuova fase che già auspicammo dopo la vittoria del 2014. Il governo della città ha un bisogno vitale di confrontarsi con uno stakeholder politico di spessore, capace di produrre riflessioni e mediazioni sui grandi temi che dovremo affrontare ora che abbiamo rimesso in moto un comune stanco di 5 anni di destra.”

Ha quindi preso la parola Alessandro Stefanini, unico candidato alla segreteria, che, dopo aver ringraziato Gallicani e il suo predecessore Davide Malvisi, oltre a tutti gli intervenuti (erano presenti diversi rappresentanti dei circoli della Bassa Ovest, con il coordinatore di zona Raffaele Pizzati), nella sua relazione ha analizzato la situazione internazionale, caratterizzata dall’instabilità che provoca le migrazioni epocali cui assistiamo, di fronte alle quali l’Unione Europea si dimostra assente, quando invece solo l’integrazione delle politiche potrebbe permettere al nostro Paese di far fronte alle tempeste in arrivo. La situazione politica italiana è anch’essa caratterizzata dall’incertezza, ma il congresso nazionale del PD dovrà essere occasione di analisi degli errori commessi e di elaborazione delle soluzioni. A Fidenza, il PD dovrà essere luogo di confronto con l’amministrazione, di condivisione delle scelte e delle informazioni con una rete ampia di soggetti, da andare a cercare anche fuori dalle mura della sede. Il Partito deve avere l’ambizione di tornare a rappresentare uno spaccato della società cittadina.

Dopo un dibattito che ha visto succedersi numerosi interventi, si è svolta la votazione che ha visto Stefanini eletto all’unanimità.

mar 092017
 
IMG_2445

Sono quattro donne eccezionali, che con il loro impegno hanno lasciato il segno nella comunità fidentina. L’Amministrazione comunale le ha premiate oggi, in occasione della Festa della Donna, nel corso della prima edizione del Premio “Onore al merito delle donne”. Sono: Daria Fratta, Lorena Guazzi, Maria Moroni e Rita Rossi. Ad applaudirle, un Ridotto del Teatro Magnani gremito di donne, associazioni, cittadini alla presenza del sindaco Andrea Massari, dell’assessore alla Cultura, Maria Pia Bariggi, dell’assessore al Welfare, Alessia Frangipane, dell’assessore alle Attività produttive, Fabio Bonatti.

Il Premio “Onore al merito delle donne” è stato istituito quest’anno dall’Amministrazione comunale per celebrare il lungo cammino dell’impegno per la promozione della dignità femminile e fare dell’8 Marzo una ricorrenza reale, radicata nel territorio e non un rito meramente celebrativo. Con questo premio, l’Amministrazione e tutta la comunità celebrano l’attività e il ruolo di quelle donne che, con il loro impegno sociale o professionale, sono riuscite a tracciare un segno significativo negli ambiti sociale, lavorativo/professionale, culturale/sportivo nella nostra città.

Daria Fratta è stata premiata per aver saputo dedicare ogni giorno al marito Lorenzo, vittima di un grave infortunio sportivo nel 2010, motivi unici e speciali per affrontare sfide nuove, per essere con amorevoli cure i suoi muscoli, le sue gambe e le sue braccia, dimostrando che non c’è limite alle mete da raggiungere insieme, anche di fronte agli avvenimenti della vita. E’ infaticabile fulcro dell’Associazione “Terzo tempo con Lorenzo”.

Le difficoltà quotidiane non l’hanno mai indotta alla resa; la naturale inclinazione all’accudimento si è trasformata in un’attenzione costante all’altro e agli altri. Grazie al suo impegno, la qualità della vita di questa comunità è migliorata”, si legge sulla pergamena che ha ricevuto oggi.

Lorena Guazzi, istruttrice di nuoto per passione, dal 2012 si occupa di bambini autistici e disabili in acqua e oggi conta 19 splendidi allievi. L’Amministrazione comunale l’ha premiata perché “Con dolcezza, simpatia e tanta passione ha aperto il mondo del nuoto a bambini e ragazzi con deficit, dando loro un’opportunità in più. Lorena ha contribuito a migliorare le capacità cognitive e di interazione dei suoi “ragazzi speciali”, creando dei bellissimi e preziosi momenti di gioco, relax e crescita nei quali loro sono i protagonisti”.

Maria Moroni è titolare di un negozio storico in piazza Gioberti. Nella sua “bottega”, oltre ai generi alimentari vari, si possono acquistare tortelli, cappelletti, pasta fresca, gastronomia e dolci, tutti preparati dalla signora Maria. Famosa per la sua gentilezza, ha sempre una buona parola per tutti i suoi avventori. “Piazza Gioberti non sarebbe la stessa senza il Suo negozio di commercio al minuto di generi alimentari e produzione di pasta fresca. Perché la gentilezza e la grazia della Signora Maria sono quelle che ognuno di noi vorrebbe trovare”, si legge sulla pergamena consegnatale oggi.

Rita Rossi è la segretaria dell’Associazione Vapa (Volontari Assistenza Pasti Anziani) che opera alla Casa protetta di Fidenza. Infaticabile volontaria dal 1998, a lei si deve la nascita della sezione fidentina dell’associazione, della quale è la vera anima. L’Amministrazione comunale lìha premiata oggi perché “Ha dedicato attenzione a molte persone. Fra i tanti ha privilegiato gli anziani, in particolare quelli della Casa protetta, ai quali ha recato solidarietà, serenità e una prospettiva di vita. Senza limiti ha in ogni occasione speso le proprie risorse per dare luogo a un Servizio in cui l’altro è sempre protagonista”.

Il valore del ritrovarsi, del guardarsi negli occhi e del riconoscere il merito è utile alla comunità. E’ giusto rendere noto il lavoro costante e silenzioso del volontariato e delle singole persone, che hanno fatto cose straordinarie, dando tanto senza chiedere nulla in cambio. Sono esperienze di vita così belle e profonde che è stato difficile scegliere le vincitrici”, ha detto il sindaco Andrea Massari.

Si potrebbe pensare che il merito parli da sé, ma è invece importantissimo che sia riconosciuto. E’ bello premiare oggi queste donne speciali, che hanno lasciato un segno nella vita della nostra città. Vogliamo che la Festa della Donna sia un lungo periodo che non termina mai in cui non solo la dignità ma anche il merito, la bravura e l’impegno delle donne siano riconosciuti e celebrati”, ha sottolineato l’assessore alla Cultura, Maria Pia Bariggi.

Oggi è la giornata della donna ed è giusto fermarsi e riflettere su tutte quelle donne che ogni giorno mettono passione e impegno nel volontariato, nello sport, nel lavoro e anche nella vita privata. Spesso si dà tutto per scontato, invece oggi siamo qui per riconoscere il loro impegno e per dire loro grazie”, ha commentato l’assessore al Welfare, Alessia Frangipane.

Il Presidente della commissione che ha scelto le vincitrici, Enore Artusi, ha ribadito come tutte le candidate fossero meritevoli: “E’ stato difficile scegliere, siete tutte bravissime. Grazie per quello che fate e grazie all’Amministrazione comunale per aver istituito questo premio”.

mar 092017
 
mensa-scolastica-Large

Dal 20 febbraio sono entrati in vigore i menù relativi alla nuova assegnazione del servizio di ristorazione scolastica recentemente iniziato. Perché questa fase di avvio costituisca un momento di confronto con le famiglie, si ritiene necessario un incontro che si terrà martedì 14 marzo alle ore 15.30 alla scuola “De Amicis”, in via XXV Aprile.

Sarà l’occasione per un ascolto attento alle sollecitazioni delle famiglie in una prospettiva di miglioramento del servizio.

All’incontro saranno presenti: l’assessore alla Scuola, Maria Pia Bariggi, la responsabile del Servizio Istruzione del Comune di Fidenza, Isabella Onesti, il nutrizionista del Sian, dott. Nicola Bolsi, e la referente di Camst, Sabrina Giacobbe.

mar 092017
 
pellegrinomax

In dirittura d’arrivo le azioni del progetto “Benvenuto Pellegrino”, che si occupa di valorizzare le attività dei sistemi commerciali naturali nei centri storici dei Comuni lungo la Via Francigena parmense: Fidenza, Noceto, Medesano, Fornovo Taro, Terenzo e Berceto. A partire da mercoledì 15 marzo partiranno le interviste agli aderenti al Centro Commerciale Naturale “Fidenza al Centro” per valutare le potenzialità di sviluppo della “piazza virtuale”. Parte integrante del progetto, infatti, nonché utilissimo strumento di promozione del territorio e delle sue realtà, sia storiche che commerciali, è l’omonima App, alla quale sta lavorando la società fidentina SwitchUp.

Il progetto, finanziato dalla Regione Emilia-Romagna e coordinato dal Comune di Fidenza, è dedicato alla valorizzazione del commercio dei centri storici e la App sarà una vetrina sulla “piazza virtuale” del CCN provinciale “Benvenuto Pellegrino”. I pellegrini che ogni anno percorrono la Via Francigena, ma anche coloro che verranno nei nostri territori per occasioni di turismo esperienziale e dello shopping, vi potranno trovare informazioni su dove fare acquisti e anche dettagliate indicazioni turistiche sul territorio di ambito regionale, grazie a un sistema di ricerca innovativo appoggiato su un date base georeferenziato.

Benvenuto Pellegrino”, partito alcuni mesi fa e che conta già circa 200 adesioni lungo l’asse francigeno parmense (di cui 70 a Fidenza), prevede anche fasi di confronto a livello locale. Il Comune di Fidenza ha incaricato a tale scopo la società Iscom Group Srl – azienda che si occupa di marketing urbano e territoriale, attiva in numerosi comuni dell’Emilia-Romagna – di svolgere un’indagine per valutare le potenzialità di sviluppo della “piazza virtuale”, attraverso interviste ai titolari degli esercizi (compresi bar, ristoranti, artigiani…) che aderiscono al Centro Commerciale Naturale “Fidenza al centro”, costituito nell’aprile del 2013. Tra gli argomenti trattati ci saranno il grado di conoscenza della App “Benvenuto Pellegrino” e delle azioni mirate a rigenerare l’area commerciale, favorire il rilancio socio-economico e migliorare l’aspetto urbano di Fidenza.

mar 072017
 
rtft

dal blog del capogruppo Marco Gallicani

Ierisera (il 6 marzo 2017, NdA) è stata richiesta dalle minoranze una seduta di Consiglio Comunale per discutere delle minacce ricevute da Andrea Massari sui social network lo scorso novembre. C’era già stata una risposta ad interrogazione urgente presentata dal M5S e da Rete Civica, il 16 novembre scorso, ma evidentemente non è bastata. È un loro diritto e quindi noi siamo qui presenti, ma è anche nostro diritto affermare che questo Ordine del Giorno rappresenta una grande occasione persa.

Abbiamo tentato anche in Conferenza dei Capigruppo di spiegare che sarebbe stata una conquista importante discutere stasera di quell’uso dei social network e della vaghezza nei comunicati stampa che avvelenano il modo di stare in una Comunità.

Crediamo infatti:
- che la politica abbia una sua sacralità, e che glielo dia il nostro impegno.
- che Le istituzioni e i loro luoghi abbiano una loro dignità.
- che la politica abbia delle conseguenze, che spesso vanno oltre le intenzioni dei politici.

Il dibattito politico deve avere dei limiti. Perché la violenza genera violenza, l’odio chiama altro odio, e nella nostra società così in affanno troppo spesso alcune persone colmano la loro esistenza reale e digitale attaccandosi alle parole che usa la classe dirigente. Lo ha sostenuto a gennaio anche una sopravvissuta dei lager nazisti“State attenti alle parole dell’odio. Tutto inizia come un piccolo ruscello, ma poi ha il potenziale per esplodere -.. E quando lo fa, è troppo tardi per fermarlo”

Il fiume dell’odio, covato nelle nuove piazze digitali non è un evento secondario per la nostra società. Joe Cox era una deputata inglese di 43 anniAveva la mia età, e due figli, di 3 e 5 anni. Nel giugno del 2016 stava per iniziare un comizio vicino a Leeds, come altre centinaia di volte. E’ stata uccisa a colpi d’arma da fuoco e con un coltello da un nazionalista con simpatie neonaziste di 52 anni, Tommy Mair, esasperato dalla campagna su Brexit e abbeveratosi da “fonti” sulla rete incitanti alla supremazia britannica.

In Georgia il mese scorso due suprematisti bianchi si sono presentati armati al compleanno di un bimbo nero con una bandiera confederata, gridando insulti e minacciando d’uccidere tutti, anche i bambini. A Kansas City qualche settimana fa un bianco ha sparato a due uomini credendoli mediorientali (erano due ingegneri indiani) e gridando loro«andate fuori dal mio paese».

A Fidenza si è potuto parlare impunemente di “cecchini”, di impiccagioni. Nella vicina Medesano è bastata la visita dell’eurodeputata Cecile Kyenge, la scorsa settimana, per vedere gente che ha scritto “carico la carabina e mi apposto. Chi mi rimborsa le munizioni?”, oltre al solito squallido armamentario sulle scimmie e le banane, che accompagna questa parlamentare di colore.

Esempi che riporto per spiegare che la politica ha delle conseguenze. Spesso stanno sotto traccia, altre volte sono paradossali, ma ci sono. Se la politica fa passare il messaggio che vale tutto, la conseguenza più immediata è che alcuni pensino che quel tutto sia proprio tutto, e che tutti gli altri si adeguino all’idea che non vale più niente. Specie in quello che dicono e fanno i politici.

Alla politica, a chi la ama, a chi la onora con passione indipendentemente dal credo, tocca decidere da che parte stare. Perché la politica non è scontro, non è una lotta a chi spara la bugia più grossolana, non è una gara a chi fa il video più smargiasso e lo fa diventare virale.

La democrazia non è un regalo, ma la conquista di un impegno.

Non credendo di onorare questo impegno partecipando ad una seduta con un Ordine del Giorno del genere, convocata in un luogo che servirebbe per fare altro, nell’interesse di tutti, non dei soli consiglieri o dei loro referenti, per questo abbiamo sollevato la questione pregiudiziale ritenendo che l’argomento proposto dalla minoranza non sia da discutere in Consiglio comunale ai sensi dell’articolo 27 del Regolamento.

Crediamo che quanto accaduto a novembre non faccia parte della cultura pacifica e solidale che permea la storia di Fidenza. Per questo abbiamo detto e scritto che stiamo dalla parte di Andrea Massari, che quelle offese le ha ricevute, perché quello che è capitato a lui potrebbe capitare ad ognuno di noi, a qualsiasi altro cittadino. Perché quello che è capitato ad Andrea Massari capita ogni giorno nel mondo a tante altre persone. E francamente, crediamo sia il momento di dire basta. Non è questo il modo di discutere che ci interessa, non abbiamo nessuna voglia di alimentare uno scontro permanente in grado solo di avvelenare gli animi. A tutti coloro che sono fatti bersaglio da vere e proprie campagna d’odio offriamo, ancora, la nostra solidarietà. E lo faremo 10, 100, 1.000 volte, se necessario.

Perché la politica ha bisogno anche di segnali, e di parole perché le parole sono ormai ovunque e vanno scelte con cura, proprio perché sono importanti.